Alberto Sposo

La scarpa dello sposo, un accessorio da non sottovalutare

Se è vero che l'attenzione degli invitati cade sulla bellezza della sposa il giorno del matrimonio, è altresì vero che il primo dei due a fare il suo ingresso in chiesa o nella location prescelta è proprio lo sposo. È inevitabile che gli occhi dei partecipanti abbiano così tutto il tempo per dedicarsi all'outfit di quest'ultimo e notare ogni dettaglio scelto. Si rende quindi necessario per lo sposo vestire in modo impeccabile, rendendo gli accessori armoniosi e in perfetto abbinamento con l'abito. Dove cade l'occhio dopo aver dato uno sguardo alla figura nel suo insieme? Sulle scarpe, naturalmente.


Ecco perché la calzatura deve rivestire molta importanza e va scelta con cura. Queste due regole di base sono da seguire assolutamente:

• se vi attenete ad un'etichetta rigida e molto elegante, sarà meglio optare per scarpe nere, non in vernice lucida se non nel caso di abbinamento ad un frac;

• il mocassino, ricordate, non vuole la fibbia ma la stringa, a meno che non abbiate organizzato una cerimonia informale.

Tenendo bene a mente questi consigli, potrete trovare di seguito le linee guida per la scelta della scarpa adatta, seguendo i tre modelli classici principali da sfoggiare il giorno del matrimonio.

1. La "richelieu" (detta anche "oxford") è la scarpa più formale in assoluto, stringata e molto stretta, si adatta perfettamente al gessato e ai tessuti leggeri o morbidi. Anche la linguetta è cucita sotto le parti laterali e questo conferisce una forma affusolata ed elegante.

2. Scendendo un poco in quanto a formalità troviamo la "derby", caratterizzata da un'allacciatura più larga con maggiore movimento della linguetta, dunque tendenzialmente più comoda. È un'ottima scelta per un matrimonio autunnale o invernale perché si adatta meglio a completi in tessuto caldo come il tweed e il velluto.

3. Ed infine troviamo la "collège", che è molto simile al nostro mocassino italiano o alla "loafer" americana, è la meno formale delle tre e sicuramente la più comoda. Caratterizzato da un taglio più arrotondato, questo modello si adatta a cerimonie che non richiedano un dress code elegantissimo, ma è comunque l'ideale anche in abbinamento a completi leggeri.

Dopo aver scelto il modello che si adatta meglio al vostro abito e al tipo di matrimonio, non dimenticate di comprare i calzini in abbinamento: abolite quelli con fantasie, che non sono assolutamente eleganti, concentratevi invece su modelli al ginocchio e tinta unita.
I colori più adatti sono quelli scuri, ma non è necessariamente vero se scegliete un completo chiaro: in questo caso dovranno essere di una tonalità leggermente più chiara o più scura del vostro abito. La regola del mocassino senza calzini non vale il giorno del proprio matrimonio, a meno che non celebriate il matrimonio in spiaggia.

Se volete andare sul sicuro con i calzini, ecco un piccolo tip: il nero e il blu scuro si adattano alla maggior parte dei completi da cerimonia. In poche parole, vietato sbagliare!

Iscriviti alla Newsletter

Resta aggiornato su tutte le ultime novità e promozioni.