6 pratici consigli per:

la disposizione dei tavoli

Abito su misura, partecipazioni, fedi nuziali e scelta del ristorante: la preparazione di un matrimonio sembra non finire mai.
Tra gli ultimi preparativi, una cosa che proprio non può mancare è la disposizione dei tavoli, con i relativi ragionamenti su dove posizionare ogni invitato. Può sembrare banale ma ci sono tante dinamiche da tenere in considerazione. Possibili screzi tra i membri della famiglia, bambini troppo agitati, il cugino taciturno o quell’amico che sarà di certo l’anima della festa, ma che potrebbe essere troppo estroverso e chiassoso per le tue zie molto anziane. Ecco qualche consiglio per un’organizzazione perfetta dei tavoli e per (provare a) fare tutti contenti!

1. La lista degli invitati
Per prima cosa va preparata una lista completa degli invitati. Una volta ricevute tutte le conferme l’ideale è compilare una lista con tutti i nomi, l’età di ognuno ed eventuali esigenze alimentari. In questo modo possiamo sperare di accontentare ogni invitato e di fargli trascorrere una giornata piacevole.

2. La location e i tavoli
Il secondo passo è richiedere al ristorante una pianta della sala dove si terrà il ricevimento, con la disposizione dei tavoli e loro capienza. L’ideale è che la sala sia suddivisa in due parti, in modo che la famiglia della sposa sia da una parte, e la famiglia dello sposo dall’altra. La tradizione vuole che la sposa sieda a destra dello sposo, quindi i tavoli dovrebbero essere distribuiti di conseguenza.

3. Disposizione e abbinamenti
Una volta recuperate queste informazioni fondamentali si può dare il via alla scelta della disposizione. Pastelli, pennarelli o post-it, usa i colori per suddividere gli invitati in categorie: parenti stretti, cugini di secondo grado, amici e colleghi. Idealmente i parenti stretti saranno i più vicini agli sposi, dopodichè i parenti più lontani e la cerchia di amicizie.

4. Qualche accortezza
Pensa sempre al benessere degli invitati. Oltre a tener ben presenti i rapporti tra i familiari pensa anche alla loro personalità. Se ci sono invitati taciturni puoi pensare di avvicinarli ad altri più chiacchieroni. Se sai che ci sono fan sfegatati del calcio o di serie tv li puoi mettere vicini, così sapranno di che parlare. Solo tu conosci veramente tutti i tuoi invitati, quindi questo arduo compito spetta a te.

5. Il galateo e la tradizione
In passato il tavolo degli sposi seguiva regole molto ferree. La sposa doveva sedere a destra del marito, e alla sua destra il padre dello sposo, un testimone, il padre della sposa e un altro testimone. A sinistra dello sposo invece il galateo prevede la madre della sposa, un testimone, la madre dello sposo e l’altro testimone. Puoi pensare di rispettare la tradizione, oppure capovolgerla completamente.

6. Stravolgi, stupisci e divertiti
È arrivato il momento di creare il tableu mariage, il cartellone che indica agli ospiti dove accomodarsi. Prima però un ultimo consiglio: dai spazio all’ironia e pensa un po’ fuori dagli schemi. Pur tenendo a mente le esigenze di ognuno prova a essere creativo e a pensare a una disposizione che può garantire un divertimento assicurato!

Iscriviti alla Newsletter

Resta aggiornato su tutte le ultime novità e promozioni.