Regole base per la scelta della camicia dell'abito da sposo


La camicia è il capo d’abbigliamento must per l'abito da sposo, che, seppur molto spesso coperto da gilet e giacca, va scelto in maniera dettagliata per evitare di apparire fuori luogo o banali, in quanto rappresenta la base del vostro total look. É quindi indispensabile optare per la taglia e il modello giusto, partendo dal colletto fino ad arrivare alla manica, per abbinarla in modo esatto all'abito da sposo.


La camicia ideale dell'abito da sposo deve adattarsi perfettamente al corpo, quasi come una seconda pelle, deve seguire le linee del busto e delle spalle. I modelli più indicati sono regular-fit, tailored-fit (leggermente aderente) e slim-fit (perfettamente in linea con il corpo).
Per quanto riguarda il tessuto, il cotone è senza dubbio il più indicato, in quanto è il tessuto più comodo da indossare, che inoltre è resistente e fresco.

La tradizione richiede che il colore della camicia dello sposo debba essere bianco, anche se oggi giorno sono ben accetti altri colori o anche fantasie a seconda del gusto dello sposo, del colore dell'abito da sposo o del tema del matrimonio.
Passiamo al collo della camicia dell'abito da sposo, che anch’esso dovrà adattarsi perfettamente alle linee del corpo, senza essere né troppo largo, né troppo stretto.

Per questo dettaglio, il colletto più in voga è il taglio italiano (punte corte molto aperte che riescono a toccare la camicia).
Infine, un’altra regola è che la manica della camicia dell'abito da sposo deve essere lunga e mai a maniche corte, e misurare all’incirca 1,5 cm in più rispetto a quella della giacca dell'abito da sposo, mentre i polsini devono essere sempre doppi, in modo da poter inserire i gemelli.

Leggi l'articolo completo sul blog ufficiale di Cleofe Finati!